Esclusivo/Generali, nuovo scontro Caltagirone-cda: i retroscena

Generali, stop al comitato strategico

Ennesimo colpo di scena nella partita di Generali. A due settimane di distanza dall’assemblea che ha confermato per il terzo mandato Philippe Donnet, si apre una nuova spaccatura tra la lista di maggioranza – che esprime dieci membri compresi l’amministratore delegato e il presidente Andrea Sironi – e quella di minoranza, rappresentata da tre membri, cioè Francesco Gaetano Caltagirone, Marina Brogi e Flavio Cattaneo. Oggetto dello contrasto è la definizione dei membri dei cinque comitati interni al nuovo cda.

Secondo quanto può ricostituire Affaritaliani.it, la giornata di ieri era trascorsa in maniera tranquilla: sembrava ormai acclarato che a Cattaneo sarebbe stata affidata la presidenza del comitato “parti correlate”. Ma tutto è saltato in tarda serata, dopo che non si è trovato un accomodamento per la definizione dell'organismo strategico.

Fonti accreditate riferiscono che i tre consiglieri “dissidenti”, infatti, avrebbero proposto di ricostituire questo organismo voluto nel 2019 e poi di fatto caduto dopo le dimissioni di Francesco Gaetano Caltagirone e Romolo Bardin. La domanda a questo punto è: c’è margine per ricomporre la frattura?

LEGGI IL DOCUMENTO ESCLUSIVO

Le ragioni di Caltagirone

I consiglieri vicini a Caltagirone rammentano come una fermezza di questo tipo sia necessaria per riequlibrare i poteri e arginare – a loro dire – il ruolo dell’amministratore delegato Donnet. Tra l’altro, proprio il comitato strategico era stato al centro di partite fondamentali come la definizione di Banca Generali e la partecipazione in Russia. 

Non solo, a quanto risulta ad Affaritaliani.it il costruttore romano avrebbe appreso della fermezza alle 20.30 di ieri sera. Di più: il neo-presidente Andrea Sironi non avrebbe preventivamente informato tutte le parti in causa della scelta di non procedere con la definizione di un comitato che avrebbe permesso di dare voce anche ai “pattisti”, che rappresentano poco meno del 45% dei voti complessivi portati in assemblea.

Per questo motivo, a quanto si apprende da fonti vicine a Caltagirone e agli altri due consiglieri del Leone, non stupirebbe se già oggi Ivass e Bankitalia chiedessero a Generali e al consiglio di cura di rendere limpido come mai nei cinque comitati definiti ieri non vi sia nemmeno un rappresentante della minoranza. 

Le ragioni della maggioranza del cda

D’altro canto, come fanno notare fonti vicine alla maggioranza del consiglio, è proprio la stessa Ivass a non apprezzare il comitato ad hoc per le operazioni strategiche. Era stata proprio l’Authority delle compagnie assicurative ad averne stigmatizzato l’impiego al era dell’operazione Cattolica. E dunque, aggiungono le voci, è per perseguire best practice europee e italiane che si è scelto di non proseguire con un organismo specifico. 

La tensione però è alle stelle: Caltagirone e i “pattisti” accusano ancora una volta la maggioranza di non volerli coinvolgere nelle decisioni strategiche e di voler consegnare tutto il potere decisionale a Philippe Donnet, cui i maligni addebitano di essere troppo lontano – in senso fisico e figurato – da Trieste.

La maggioranza risponde che, dopo il 29 aprile, tutti i consiglieri hanno pari dignità e non ci sono più azionisti con maggiore o minore peso. E che l’atteggiamento tenuto da Caltagirone è più simile a chi, non ottenendo ciò che vuole, ribalta il tavolo e smette di giocare. Anche perché, assicurano dalla maggioranza, i comitati presentati ieri prevedevano tutti la presenza della minoranza e, in alcuni casi, la presidenza stessa veniva garantita ai pattisti. Ulteriore dato: nessun comitato aveva la previsione di contenere al suo interno un componente esecutivo, erano tutti non esecutivi. 

La fine della concordia?

Dopo due settimane di pace, dunque, già il primo ostacolo che mina la stabilità della compagnia assicurativa che, tra l’altro, ha in pancia asset per oltre 600 miliardi, di cui 80-90 di giusto pubblico italiano. Non esattamente un luogo in cui possa regnare malumore.

 

 

Leggi anche: 

Draghi-Mattarella, tensione sulla data del voto. Il premier vuole "fuggire"…

Draghi negli Usa terremota la sinistra. Letta insegue Conte, Pd diviso. E…

Ucraina, Russia ma non solo. Tutto il pianeta armato e agguerrito

Collot: Aggrediti da nazisti ucraini. Tentata violenza sessuale a ragazza

Guerra Russia-Ucraina: perché Putin punta sul gruppo neonazista Wagner

Esclusivo/ Tim: tutti i dossier sul tavolo di Labriola

"Rivogliamo la One O One": una petizione rivolta alla Sanpellegrino

Colombo: "Io, gli immigrati, la P2 e Mani Pulite". Il podcast di Affari. VIDEO

Poste Italiane, trimestre in crescita: utile netto a € 495 milioni

Banca Ifis, utile netto +74% (€35 mln nel 1° trimestre 2022)

ITA Airways lancia True Italian Experience per lo sviluppo del turismo

Rome
cielo sereno
31.9 ° C
33 °
30.2 °
44 %
1.5kmh
0 %
Dom
30 °
Lun
22 °
Mar
19 °
Mer
24 °
Gio
22 °

Ultime Notizie

Notizie Сorrelate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui