Come smascherare un bugiardo

Per smascherare ancora il più incallito dei bugiardi non serve la veicolo della verità. Basta fargli qualche domanda utilizzando i giusti accorgimenti e la frottola è presto smascherata. Ad occuparsi scientificamente di chi ne racconta un po’ troppe è Aldert Vrij, psicologo dell’Università di Portsmouth, nel Regno Unito.
non siamo Multitasking. Secondo l’illustre accademico per far cadere il castello di carte di un bugiardo è sufficiente distrarlo mentre si fanno domande sui fatti che si vogliono verificare, chiedendogli di svolgere specifici compiti che richiedano un buon livello di concentrazione. Lo sforzo cognitivo necessario a mentire, unito a quello necessario per portare a buon fine l’incarico richiesto sarebbero infatti insostenibili per il cervello dell’umano medio.
«Bugia e verità possono essere ugualmente plausibili a patto di pensare con attenzione a ciò che si sta dicendo», spiegano i ricercatori. «Quando la possibilità di concentrarsi viene meno la verità, per sua natura più radicata nel nostro cervello, tende invece a prevalere».
Negli esperimenti effettuati, è stato chiesto ai partecipanti di trascrivere le targhe di alcune auto che erano state loro mostrate in antecedenza. Nel frattempo veniva chiesto loro di raccontare la loro opinione, vera o inventata, su fatti di cronaca presi dalla stampa. Il compito degli intervistatori era quello di identificare i bugiardi.Lo studio è stato pubblicato sull’ultimo numero di International Journal of Psychology and Behaviour Analysis.
Bugiardi ma non brillanti. Secondo i risultati dello studio, coloro che nel test hanno mentito sono stati identificati per la mancanza di immediatezza nel rispondere alle domande sulla loro versione, per la mancanza di plausibilità e di chiarezza espositiva.
Raccontare una frottola in maniera credibile richiede infatti cura per i dettagli, una narrazione convincente e l’attenzione a non cadere in contraddizione, tutte attività che richiedono un alto tasso di concentrazione: se condotte mentre si sta portando a termine un altro compito complesso, come ricordare lunghe sequenze di lettere e numeri, possono portare il nostro cervello a inopportuni cortocircuiti.
Occhio ai rischi! I risultati migliori, sostengono i ricercatori, possono essere ottenuti sottoponendo il soggetto da esaminare ad attività complesse, per esempio pilotare un aereo (su un simulatore) o guidare su una strada particolarmente tortuosa. inizialmente di sperimentare questo metodo sappiate, però, che non è del tutto infallibile: alcune persone particolarmente abili nel raccontare menzogne, potrebbero passarlo senza troppi problemi.
.

Rome
cielo coperto
28.1 ° C
29.9 °
27.2 °
75 %
0.3kmh
100 %
Lun
27 °
Mar
27 °
Mer
32 °
Gio
32 °
Ven
26 °

Ultime Notizie

Notizie Сorrelate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui