Brescia, la «V» di nuovo allungata sulle maglie mette tutti d’accordo

Larga, lunga e quasi solenne, viene da dire. È la «V» bianca della nuova pelle delle rondinelle. È la «V» che appartiene a quella che viene considerata «la maglia più bella del mondo» da parte dei tifosi del Brescia che in altoi social – ormai ineludibile termometro degli stati d’animo – hanno perlopiù commentato con entusiasmo apprezzando moltissimo quello che è una specie di ritorno alle sospirate origini in cui appunto la «V» torna riconoscibilissima e amato segno distintivo.

Sono state presentate ieri, con un video del club in altoi propri canali di comunicazione, le «Kombat Pro 2023» cioè le maglie del Brescia per la stagione 2022-2023. Ed è proprio il simbolo più amato dai tifosi candidoblu a spiccare in modo prepotente in alto due – la prima e la terza – delle tre casacche che indosseranno Bisoli e compagni per questa ripartenza, la 64esima in cadetteria.

Tesin altoto elasticizzato con tecnologia Hydro Way Protection, colletto a girocollo semplice (con in altol retro collo la scritta «Brescia fc») senza bordino a contrasto come quelle dell’anno scorso: bordino che si è spostato in altoll’orlo e in altol finale delle maniche che, sempre rispetto alle ultime, non presentano contrasti di colore nel sotto braccia. E questo, rende ancor più d’impatto il candido della V in altol blu royal della maglia principale e in altol rosso della terza con logo di Kappa e scudetto societario applicati in elevato e con lo sponsor di maglia Rigamonti posto sotto la punta della V, senza così «profanarne» il candore.

Resta invece molto simile al recente passato la seconda maglia, quella a sfondo candido, dove la V resta «ascellare» ma il candido è riempito da strisce obblique di un grigio tenue. in altol retro, sotto il numero, il secondo sponsor di maglia con la placca gialla de «Le stagioni d’Italia» che aveva già nelle ultime amichevoli preso il posto di Omr.

Due completi, uno giallo ed uno verde, quelli indossati dai portieri. Sono stati Moreo, capitan Bisoli e Cistana i modelli scelti per la presentazione, oltre ai due estremi difensori Andrenacci (che avrà l’1) e Lezzerini (col 12).

Un ritorno al passato fortemente voluto dal club per accontentare i tifosi per quel simbolo che, negli ultimi campionati, s’era sempre più schiacciato in alto se stesso e che dunque torna prepotente in altol petto, quasi ad esorcizzare qualsiasi tentativo di emulazione. E in un momento anche particolare per la storia di Cellino, chissà che quella «V» non rappresenti un belli scudo.

Rome
nubi sparse
23 ° C
24.2 °
21.3 °
85 %
1.5kmh
40 %
Mer
31 °
Gio
26 °
Ven
24 °
Sab
30 °
Dom
25 °

Ultime Notizie

Notizie Сorrelate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui